STORIA

ROTAIR vanta una lunga storia, da piccola attività gestita da una persona sola a società globale. Seguite la linea temporale qui sotto per conoscere i punti salienti della sua storia.

  • 1946

    Inizia il cammino di Rotair

    L’Italia usciva dalla Seconda Guerra Mondiale con le sue città, i suoi paesi quasi completamente distrutti. Si doveva ricostruire. Occorreva assolutamente migliorare la quantità e l’efficienza del lavoro di costruzione e Mario Musso, che era un ottimo meccanico ed un geniale inventore, progettò la costruzione di un motore a benzina della potenza di 5 CV che potesse essere applicato a delle betoniere e a dei montacarichi.
    Per la prima piccola serie di motori messi in progetto usò dei cilindri e dei pistoni provenienti da motori di aerei della 2^ guerra mondiale che erano stati posti in demolizione. Riuscì ad ottimizzare il consumo di carburante a tal punto da permettere al motore di funzionare a pieno carico per 8 ore di lavoro e con 2 litri di benzina.
    Il suo motore fu brevettato e ben presto tutte le betoniere e tutti i montacarichi della regione “Piemonte” funzionavano con i motori “Musso”.

  • 1950

    Innovazione nei verricelli per trasporto legname

    Progettazione e realizzazione di uno speciale verricello (argano con motore a scoppio) per il carico e lo scarico a mezzo teleferica del legname nelle aree di montagna e rilievi, perfettamente adatti alle necessità delle boscose valli del nord Italia e delle vicine regioni della Francia.

  • 1960

    Primi compressori a pistoni

    Progettazione e realizzazione dei primi compressori a pistoni e dei motori diesel necessari al loro funzionamento. Espansione dei mercati dal nord Italia e ristrette aree del sud della Francia alla Svizzera, al Belgio e alla Germania.

  • 1970

    Creazione della ROTAIR caragliese

    Nel 1970 la società assunse il nome di ROTAIR Caragliese.

  • 1980

    1980 Creazione della ROTAIR S.P.A.

    Su iniziativa del fondatore Mario Musso e del suo socio Giovanni Donadio, la società venne costituita in Società per Azioni con il nome di ROTAIR SPA.

  • 1982

    Brevetto del profilo vite di compressione

    Viene brevettato il profilo vite per il gruppo di compressione ed inizia la nuova gamma di produzione, con un immediato successo anche al-di-fuori dell’Europa.

  • 1988

    Innovativi martelli idraulici

    Partendo da una idea originale di Mario Musso, che era stata tenuta in un cassetto, viene prodotta e commercializzata una gamma di martelli idraulici adatta a soddisfare i bisogni per macchine operatrici di piccole e medie dimensioni.

  • 1997

    Primo RAMPICAR

    L’anno vede il lancio della prima motocarriola RAMPICAR, a completamento della gamma di prodotti destinati all’edilizia. Quasi subito si trasformò in una carta vincente anche nel settore agricolo, per la viticoltura e la silvicoltura.

  • 2012

    ROTAIR entra a far parte del Gruppo ELGI

    ROTAIR entra a far parte del Gruppo ELGI. La media impresa con distribuzione a livello mondiale si associa ad un Gruppo di grandi dimensioni, solido e fortemente globalizzato. Entrambe le Società condividono un nucleo di valori, semplici e positivi. Un ottimo auspicio per la continuazione di questa linea temporale, all’insegna dell’innovazione, attenzione al cliente e successo.

Nel corso di tutta la sua storia, ROTAIR ha sempre prestato un ascolto particolare ai suoi Clienti, identificato le loro necessità particolari e si è sempre impegnata a rispondere nella maniera più aderente possibile alle loro aspettative, offrendo tecnologia di punta con soluzioni personalizzate, con una attenzione speciale ai costi di esercizio e di manutenzione. Ha messo ogni possibile sforzo per diventare

LA SOCIETA’ CHE ASCOLTA!